PUBLIO VIRGILIO MARONE

www.wikipedia.it

www.wikipedia.it

 

Virgilio è nato a Mantova nel 70 a.C ed è morto a Brindisi nel 19 a.C.

Le opere più famose di Virgilio sono:

  • LE BUCOLICHE (42-39 a.C) = dieci componimenti che raccontano la vita pastorale = cioè la vita dei pastori.

  • LE GEORGICHE (37-30 a.C) = un poema epico-didascalico = cioè un poema che insegna la vita dei campi, dei contadini.

  • L’ENEIDE (30-19 a.C) = un poema epico-mitologico = cioè un poema ch parla delle avventure mitiche di Enea fino alla fondazione della città di Roma.

Virgilio è vissuto all’epoca dell’imperatore Augusto.

www.wikipedia.it

www.wikipedia.it

Virgilio è stato aiutato a diventare un autore famoso da Mecenate, un uomo che cercava di aiutare gli artisti di quel periodo. Mecenate riuniva tanti scrittori e artisti alla corte dell’imperatore Augusto. Tra questi scrittori c’erano autori famosi come Virgilio, Orazio, Ovidio, Properzio.

Augusto voleva che uno di questi autori famosi scrivesse un poema sulla sua vita ma nessuno di loro l’ha fatto.

Virgilio, scrivendo l’Eneide, racconta le avventure di Enea e non di Augusto, ma comunque celebra lo stesso la gloria di Roma e del suo imperatore.

I poemi che celebrano la gloria di personaggi famosi si chiamano di genere “encomiastico”. Infatti, era normale che, a Roma, gli artisti celebrassero il loro imperatore.

Augusto proveniva dalla famiglia di Giulio Cesare, cioè dalla “Gens Iulia” = la famiglia che proveniva dal figlio di Enea, Ascanio o Iulio.

www.wikipedia.it

www.wikipedia.it

Ecco perché Virgilio riesce a collegare Augusto alle origini mitiche di Roma.

Virgilio scrive l’Eneide per tantissimi anni, non è mai soddisfatto della sua opera, aggiusta e cambia continuamente i versi della sua opera = “LABOR LIMAE” (= lavoro di lima per aggiustare e perfezionare)

Virgilio si ammala durante un viaggio verso il sud Italia e l’Asia Minore e prima di morire chiede ai suoi due amici più fidati di bruciare il libro perché non era soddisfatto della sua opera. Naturalmente Augusto non ha voluto bruciare il libro che celebrava la sua famiglia e infatti il libro non è stato bruciato.

L’Eneide e Virgilio sono diventati famosissimi!