PURGATORIO: CANTO SECONDO

Dante vede il sole sopra Gerusalemme.  Il  Purgatorio  è una montagna quindi è esterna e non è più dentro la Terra come l’Inferno.

Nel Medioevo si credeva che il sole girasse intorno alla Terra  nascendo a est e tramontando  a ovest.

Anche i pianeti dovevano girare intorno alla Terra.

La Terra era ferma al centro dell’ universo.    NO!  = Era il sistema tolemaico e di Aristotele.

Tratto da: www.wikipedia.org

Tratto da: www.wikipedia.org

 

Dante è sulla spiaggia ai piedi della montagna del Purgatorio e  vede una luce che proviene dal mare e che si muove veloce.

E’ una barca guidata da un angelo, con le anime che devono purificarsi: è l’angelo nocchiero.

Virgilio fa inginocchiare  Dante perché è la prima volta che Dante vede un angelo,  nell’Inferno infatti non ci sono angeli.

Tratto da: www.divinacommedia.weebly.com

Tratto da: www.divinacommedia.weebly.com

Dante vede le sue ali e la luce, più si avvicina più diventa luminoso:  Dante non riesce a guardare tutta quella luce e deve abbassare la testa = simbolo di rispetto verso Dio.

L’angelo si chiama “nocchiero” perché guida una piccola barca. L’ angelo è bellissimo perché la bellezza fisica è sempre il simbolo della bellezza spirituale e morale.

Infatti, al contrario, Lucifero è brutto perché è cattivo.

L’angelo è accompagnato da cento anime che cantano una preghiera: le anime del purgatorio cantano e pregano come esercizio spirituale per cancellare i peccati e avvicinarsi a Dio,  come un pellegrinaggio, un viaggio verso Dio.

Tratto da: www.divinacommedia.weebly.com

Tratto da: www.divinacommedia.weebly.com

L’angelo benedice le anime e poi vola via.

Le anime scendono dalla barca e si guardano intorno perché non sonno dove andare: è la prima volta che vedono il Purgatorio.

Le anime chiedono a Dante e Virgilio qual è la strada per salire sulla montagna.

Le anime sono meravigliate quando capiscono che Dante è vivo: vedono che Dante respira, quindi è vivo.

Tutti guardano Dante e si dimenticano di andare avanti.

Dante tra le anime riconosce un suo amico musicista: Casella. Casella è stupito di vedere Dante.

Casella è morto molto tempo prima ma la sua anima ha dovuto aspettare di essere accompagnata in Purgatorio dall’angelo.

Dante chiede a Casella di cantare: tutti ascoltano con attenzione, sono commossi e si dimenticano di salire sulla montagna del Purgatorio.

Tratto da: www.divinacommedia.weebly.com

Tratto da: www.divinacommedia.weebly.com

Catone rimprovera le anime e dice loro di andare avanti cosi tutti scappano.

Casella canta una canzone di amore che è contenuta nell’opera di Dante “Il Convivio”.

Catone può rappresentare la coscienza che risveglia gli uomini.

Questo canto si può confrontare con il quinto canto dell’Inferno, quello di Paolo e Francesca. La poesia amorosa e la musica possono distrarre le anime e rallentare la loro salvezza→ l’ argomento dell’amore è sempre molto importante per Dante; inoltre Dante vuole anche dimostrare l’importanza dell’ arte (musica e poesia).

Catone dice alle anime:

“Che è ciò spiriti lenti?

Quale negligenza, quale stare è questo?

Correte al monte a spogliavi lo scoglio

Ch’esser non lascia a voi Dio manifesto”.

=

Che fate spiriti lenti? Perché non andate avanti?

Correte alla montagna per togliervi il peccato

che non vi permette di vedere Dio.

Perché Catone rimprovera le anime?

Perché le anime del Purgatorio hanno un solo e importante obiettivo: devono arrivare in Paradiso il più velocemente possibile, non possono fermarsi ad ascoltare la musica di Casella. Per tutto il tempo della salita della montagna le anime chiedono a Dante di pregare per loro cosi possono salire più velocemente e  vedere Dio dopo aver cancellato i loro peccati.

Il canto si conclude con una similitudine: come quando i colombi mangiano sui tetti insieme, tranquilli,  se appare qualcosa che gli fa paura, subito scappano e lasciano il cibo. Così  il gruppo delle anime scappa sulla spiaggia senza sapere dove andare, dopo il rimprovero di Catone.

Anche Virgilio e Dante si spaventano per il rimprovero di Catone e scappano veloci come le anime.