PROMESSI SPOSI

CAPITOLO TRENTASETTE

Lucia deve aspettare quaranta giorni per guarire dalla peste nell’ospedale. Renzo allora va verso casa ma comincia a piovere forte: sembra un vero e proprio diluvio! E’ primavera e comincia una forte tempesta che purifica l’aria: finalmente il virus viene sconfitto grazie alla pioggia e le campagne possono ritornare a produrre abbondanti frutti.

Renzo cammina tutto il giorno e tutta la notte per arrivare il prima possibile al suo paese. Renzo è molto contento di avere ritrovato Lucia e non sente neanche la stanchezza.

Continua il suo percorso verso casa, si ferma ospite da un suo amico e poi prosegue per Bergamo perché vuole andare a ringraziare suo cugino Bortolo e avvisarlo che è andato tutto bene e che presto potrà sposare Lucia.

La sua sosta a Bergamo da Bortolo è ovviamente breve. Poi fa ritorno nuovamente a Lecco e aspetta di essere raggiunto anche da Lucia e Agnese.

Quando Renzo, Lucia e Agnese si incontrano e possono stare finalmente tutti insieme, Manzoni racconta anche quello che è successo agli altri personaggi: Frà Cristoforo purtroppo è morto di peste all’ospedale e anche Donna Prassede e Perpetua. A Monza, Suor Geltrude si pente di quello che ha fatto con il suo amante Egidio, confessa tutto a una commissione di preti e ritorna alla sua vita di suora in modo più sereno.

Dopo si incontrano Renzo e Don Abbondio e il giovane è ancora un po’ arrabbiato con il prete perché è stato la causa di tutte le brutte avventure che sono successe. Intanto Don Abbondio ha paura che ritorni Don Rodrigo e non vuole credere che sia morto di peste.

GUARDA IL VIDEO LIS