PROMESSI SPOSI

 CAPITOLO DICIASSETTE

Renzo ha paura di camminare sulla strada principale, ha paura della polizia e così cammina nelle strade piccole di campagna.

Mentre cammina pensa a tutto quello che gli è successo e in particolare alle parole del mercante che ha descritto Renzo come un capo del popolo, come un delinquente al servizio di potenze straniere.

E’ buio, sta arrivando la notte, Renzo ha molta paura. Vede delle case lontane ma non si fida e non vuole avvicinarsi. E’ molto stanco e anche i cani gli abbaiano contro. Si sente solo e disperato.

All’improvviso sente il rumore dell’acqua del fiume: è l’Adda! E’ arrivato al confine fuori dallo stato di Milano! Finalmente può stare tranquillo e passa la notte dentro una capanna abbandonata in campagna. Prima di addormentarsi pensa a Fra’ Cristoforo a Agnese e soprattutto alla sua amata Lucia.

Al mattino dopo, va verso il fiume e chiede ad un uomo con una barca di portarlo dall’altra parte del fiume. Ormai è nello stato di Venezia non più in quello di Milano, si sente più sicuro e più tranquillo.

Finalmente riesce ad arrivare a Bergamo e ad incontrare suo cugino Bortolo che lavora come dirigente in una fabbrica tessile. Bortolo trova subito a Renzo una nuova casa e un nuovo lavoro.

GUARDA IL VIDEO LIS