LA VITA DI NAPOLEONE

Napoleone Bonaparte nacque ad Ajaccio, in Corsica poco più di un anno dopo la firma del Trattato di Versailles del 1768 con il quale la Repubblica di Genova lasciava alla Francia il comando in Corsica. La Corsica fu così invasa dall’esercito francese di Luigi XV ed annessa al patrimonio personale del Re.

www.wikipedia.org

www.wikipedia.org

La famiglia Bonaparte apparteneva alla piccola borghesia e aveva lontane origini nobili toscane.

Il padre di Napoleone, Carlo Maria Buonaparte era un avvocato che si era laureato all’Università di Pisa.  Napoleone ha poi cambiato il suo  il cognome in “Bonaparte” dopo la  morte di suo papà.

Napoleone  si sentiva straniero e  non  francese e molte volte era preso in giro dai suoi compagni di scuola. Per molto tempo è stato senza amici e si è dedicato con molto impegno  agli studi, specialmente matematici.

Il 22 settembre  1784  Napoleone è ammesso alla Regia Scuola Militare di Parigi, fondata dal re Luigi XV. Da quel momento ha deciso di abbandonare gli studi al più presto e dedicarsi alla carriera militare. E’ diventato sottotenente a soli 16 anni.

Allo scoppio della rivoluzione nel 1789, Napoleone, aveva vent’anni e era ormai ufficiale del re Luigi XVI. Durante la rivoluzione è riuscito a rimanere  al sicuro in Corsica, perché continuava a non amare molto la Francia e perché  è stato accusato di tradimento dal governo francese.

Nel dicembre 1783 è diventato colonnello e per proseguire la carriera militare ha cambiato idea e ha deciso di seguire le idee della Rivoluzione Francese. Dopo le sue prime vittorie viene nominato generale e poi capo del Direttorio francese.

Il 9 marzo 1796 Napoleone si è sposato con Giuseppina e dopo soli due giorni è partito per l’Italia al comando di 38.000 uomini mal organizzati e ha cominciato la prima “campagna d’Italia”. Questa guerra ha dimostrato  il genio militare e politico di Napoleone che è riuscito a sconfiggere L’Austria.