Una buona parte degli italiani non voleva più il  fascismo al potere

e così ci furono delle manifestazioni di protesta in tutta la Nazione.

Alla fine il Re e perfino alcuni gerarchi fascisti, decisero di rovesciare il Governo:

Mussolini fu costretto a dare le dimissioni e il suo posto fu preso dal maresciallo Badoglio.

Subito dopo il Duce fu arrestato.

Badoglio fece degli accordi segreti con gli Alleati, che stavano risalendo l’Italia e l’8 settembre fu reso pubblico che era stato firmato un armistizio. L’Italia si arrese agli Alleati.

La popolazione festeggiò la notizia credendo che la guerra fosse finalmente finita.

Purtroppo non fu così! Dopo la firma di quest’armistizio i tedeschi, arrabbiati, mandarono in Italia altre truppe per fermare l’avanzata degli Alleati e liberarono Mussolini, mettendolo a capo di un governo chiamato Repubblica di Salò che governava nell’Italia settentrionale.

Quindi al Nord governava Mussolini e al Sud Badoglio!

L’esercito italiano non sapeva più a chi doveva ubbidire.