LA MISURAZIONE DEL TEMPO

IL COMPUTO DEGLI ANNI ( IL CALCOLO DEGLI ANNI)

In quale modo venivano calcolati gli anni a Roma ( durante l’impero romano)

Gli anni sono sempre stati calcolati facendo riferimento ad un evento molto importante, ad esempio adesso gli anni si calcolano dalla nascita di Cristo.

http://www.storiafacile.net

http://www.storiafacile.net

Ma le persone che sono nate prima di Cristo quale evento usavano per calcolare gli anni?

I Romani calcolavano gli anni dalla FONDAZIONE di Roma

ad esempio: Anno septingentesimo nono ab urbe condita

Caesar interfectus est

Cesare fu ucciso nell’anno 709 dalla fondazione di Roma.

Quando la data da calcolare era la fondazione di Roma o una data vicino alla fondazione di Roma si usava il sistema greco calcolando gli anni dalla prima olimpiade (776 a.C)

https://alessandrosicurocomunication.files.wordpress.com

https://alessandrosicurocomunication.files.wordpress.com

Ad esempio i Romani dicevano che Roma era stata fondata nell’anno terzo dopo la sesta olimpiade tra il 754 e il 753 a.C.

Qualche volta si calcolavano gli anni dalla distruzione di Troia. (nel 1149 a.C.)

 

I MESI DELL’ANNO

Romolo ha diviso l’anno in 10 mesi 1° mese Marzo in onore del Dio Marte.

Numa Pompilio fu il 2° re aggiunse gennaio e febbraio . ⇒ I MESI ERANO DIVENTATI DODICI

 

IANNUARIUS   in onore di Giano

FEBRUARIUS   februrare = purificare

MARTIUS           in onore di Marte

APRILS               ad aperire ( perchè in aprile si aprono le gemme)

MAIUS                in onore di Maia

IUNIUS               in onore di Giunone

QUINTILIS         poi diventa IULIUS in onore di Giulio Cesare

SEXTILIS            poi diventa AUGUSTUS in onore di Cesare Ottaviano Augusto

 

SEPTEMBER     Prima della riforma del calendario di Numa Pompilio erano il 7°, 8°, 9°e 10° mese                                 dell’anno

OCTOBER

NOVEMBER

DECEMBER

I GIORNI DEL MESE

I Romani indicavano i giorni del mese con 3 giorni di riferimento

Kalendae = 1° giorno del mese

Nonae = 5° giorno del mese ( 7° giorno del mese a marzo, maggio, luglio, ottobre)

Idus = 13° giorno del mese (15° giorno del mese a marzo, maggio, luglio, ottobre)

 

es.

data

1 gennaio = Kalendis Ianuarius

ABLATIVO di tempo

5 aprile = Nonis Aprilibus

15 marzo= Idibus martiis

I Romani per dire gli altri giorni del mese calcolavano i giorni che mancavano alla data fissa ( il giorno di inizio ed il giorno di fine erano inclusi dentro)

3 agosto = data fissa 5° Agosto ( nome)

3 giorni prima la Nona di Agosto ante diem tertium nonas augustas.

9 febbraio = data fissa 13° febbraio

5 giorni prima della idus di febbraio.

ante diem quintum Idus Februaris

(ANTE + ACCUSATIVO)

30 MAGGIO = data fissa 1° Giugno

3  giorni prima delle Calende di giugno

ante diem tertium Kalendas Iunias

Pridie si usava per indicare il giorno prima delle Calende, delle None e delle Idi

pridie+Kalendas

pridie+Nonas

pridie+Idus

31dicembre = data fissa 1° gennaio

giorno prima del prima del 1° gennaio

pridie Kalendas Ianuaris

Ovidio, poeta al tempo di Augusto, parla del calendario.

Numa Pompilio che proveniva dai campi capì che mancavano 2 mesi.

Il calcolo del tempo era ancora sbagliato, Cesare lo capì e mise in ordine il calendario anche se aveva tante cose da fare.

Cesare ha diviso in modo preciso gli intervalli del sole fino a raggiungere l’anno intero. Cesare ha aggiunto 60 giorni e un ⅕ di una parte del giorno ai 305 giorni di prima.

LE ORE DEL GIORNO

Fino al II sec. a.C i Romani misuravano il tempo in modo molto elementare (FACILE) e approssimativo (UN PÒ GIUSTO – UN PÒ SBAGLIATO)

Per i Romani il giorno era il periodo di tempo andava  da un’alba all’alba successiva.

I romani dividevano il giorno in due parti

DIES = dall’alba al tramonto

NOX = dal tramonto all’alba 

DIES era diviso in 3 parti poco precise:

PRIMA LUX = ALBA

MERIDIES = MEZZOGIORNO

OCCASUS = TRAMONTO

NOX era diviso in 4 parti

VIGILIAE = periodo di tempo di 3 ore. 3 x 4 = 12 0re. Le vigiliae erano uguali a turni di guardia delle sentinelle (soldati) negli accampamenti.

Nel II secolo a.C. arrivarono a Roma dalla Sicilia gli OROLOGI SOLARI o MERIDIANE, poi la misurazione del tempo diventò più precisa nacquero le horae.

Il giorno fu diviso in 12 horae .

Il calcolo dell’ore del giorno iniziava con l’alba.

Il calcolo delle ore della notte iniziava con il tramonto.

Hora prima diei era uguale all’ora che oggi va dalle 6.00 alle 7.00 del mattino.

TABELLA

ORE ROMANE                                              ORE ITALIANE OGGI

hora prima diei                                              ore sette

hora secunda diei                                          ore otto

hora tertia diei                                               ore nove

hora quarta diei                                             ore dieci

hora quinta diei                                             ore undici

hora sexta diei                                                ore dodici

hora septima diei                                           ore una

hora octava diei                                              ore due

hora nona diei                                                ore tre

hora decima diei                                            ore quattro

hora undecima diei                                       ore cinque

hora duodecima diei                                     ore sei