INFERNO: CANTO QUATTORDICESIMO

E’ il cerchio dei bestemmiatori, dei sodomiti ( = omosessuali) e degli usurai.

Dante e Virgilio incontrano un’anima superba che continua e bestemmiare contro Dio: si chiama Capaneo ed è uno dei personaggi della tragedia greca “Sette contro Tebe”.

Capaneo è un uomo rozzo e volgare e il suo peccato è proprio quello di essere un bestemmiatore. E’ morto perché  Giove l’ha fulminato.

La punizione di queste anime è rimanere sdraiate sulla sabbia  e di essere colpite da una piaggia di fuoco,  cioè il simbolo della rabbia di Dio.

Tratto da: www.wikipedia.org

Tratto da: www.wikipedia.org

Capaneo continua  a bestemmiare e Virgilio lo rimprovera:  è inutile bestemmiare contro Dio perché Dio è troppo grande e potente. Capaneo è sempre superbo anche dopo la morte e non gli serve nessuna punizione!

ATTENZIONE!  Giove non è un dio cristiano ma Dante fa un parallelo:

                        GIOVE  (prima di Gesù)                 =              DIO (dopo Gesù)                      =                    SINCRETISMO RELIGIOSO

Perché bisogna rispettare tutti gli dei.