Più del 91% del territorio calabrese è formato da montagne e colline. Le pianure sono limitate a fasce costiere, lunghe e strette, talvolta paludose. La regione è inoltre spesso soggetta ad attività sismica.

I rilievi della Calabria includono a nord il versante meridionale del massiccio del Pollino (Serra Dolcedorme, 2.267 m), con il quale termina l’Appennino lucano e inizia l’Appennino calabro. Questa sezione degli Appennini si distingue da tutte le altre sia per la natura delle rocce sia per la loro morfologia.

Sia per la forma allungata della penisola e la disposizione dei rilievi, i fiumi non hanno un significativo sviluppo, hanno regime torrentizio e scorrono entro ampi alvei per gran parte dell’anno asciutti. I laghi principali sono quelli artificiali di Cecita, Arvo.

Appennino silano Da: www.wikipedia.org

Fiumare (corsi d'acqua secchi) Da: www.flickr.com
Fiumare (corsi d’acqua secchi)
Da: www.flickr.com